Sommario:

Il risultato dello studio dimostra che il sistema agricolo globale, attualmente, sovraproduce cereali, grassi e zuccheri, mentre la produzione di frutta e verdura e, in misura minore, di proteine vegetali  ​​non è  sufficiente  a soddisfare i bisogni nutrizionali della popolazione attuale. I ricercatori hanno anche scoperto che spostare la produzione verso più frutta e verdura, per adeguarsi alle linee guida alimentari più salutari, richiederebbe 50 milioni di ettari in meno di terra arabile, perché frutta e verdura richiedono meno terra da coltivare rispetto a cereali, zucchero e grassi.

Secondo un nuovo studio dell’Università di Guelph,  se tutti gli uomini sul pianeta volessero adottare una dieta più sana, attualmente non ci sarebbe abbastanza frutta e verdura per tutti.

Semplicemente non possiamo adottare una dieta sana con le attuali coltivazioni del sistema agricolo globale.

Un team di ricercatori ha confrontato la produzione agricola globale con le raccomandazioni di consumo dei nutrizionisti e ha trovato una drastica discrepanza.

“Semplicemente non possiamo tutti adottare una dieta sana con l’attuale sistema agricolo globale”, ha detto il co-autore dello studio,il professor Evan Fraser, titolaredel Canada Research Chair di Global Food Security e direttore di Arrell Food Institute di U of G. “I risultati mostrano che il sistema globale sovraproduce cereali, grassi e zuccheri, mentre la produzione di frutta e verdura e, in misura minore, di proteine ​​non sono sufficienti per soddisfare i bisogni nutrizionali  corretti della popolazione attuale”.

Pubblicato nella rivista PLOS ONE , lo studio ha calcolato il numero di porzioni per persona sul pianeta per ciascun gruppo alimentare basato sulla guida “Healthy Eating Plate” dell’Università di Harvard, che raccomanda che metà della nostra dieta, 50 per cento,  sia composta da frutta e verdura; 25 per cento da cereali integrali; e il restante 25% da proteine, grassi e prodotti lattiero-caseari.

I ricercatori hanno calcolato quanta terra è attualmente utilizzata per l’agricoltura che produce più cereali, grassi e zucchero e quanto sarebbe necessario se tutti seguissero le raccomandazioni nutrizionali suddette. Hanno poi proiettato quei numeri per l’anno 2050, quando la popolazione globale dovrebbe raggiungere 9,8 miliardi.

Hanno scoperto che ora produciamo 12 porzioni di cereali per persona invece degli otto consigliati; cinque porzioni di frutta e verdura invece di 15; tre porzioni di olio e grasso invece di uno; tre porzioni di proteine ​​invece di cinque; e quattro porzioni di zucchero invece di nessuna.

“Quello che stiamo producendo a livello globale non è quello che dovremmo produrre secondo i nutrizionisti”, ha detto Fraser, i cui coautori includono Krishna KC, ricercatore nel Dipartimento di Geografia, Ambiente e Geomatica, Prof. Nigel Raine e Madhur Anand, School of Environmental Sciences, e il Prof. Malcolm Campbell, Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare.

Poiché i carboidrati sono relativamente facili da produrre e possono nutrire molte persone, i paesi in via di sviluppo si concentrano sulla coltivazione dei cereali, ha detto Krishna KC, autore principale dello studio.

Ha rilevato che i paesi maggiormente sviluppati hanno sovvenzionato la produzione di grano e mais per decenni al fine di diventare autosufficienti e di stabilire una leadership globale nella loro produzione. Questi paesi hanno investito molto più denaro per la  ricerca e l’innovazione per queste colture che per frutta e verdura.

“Anche il grasso, lo zucchero e il sale sono gustosi e sono ciò che noi umani desideriamo maggiormente, abbiamouna vera attrazione incoscia per  questi alimenti“, “Tutti questi fattori combinati hanno portato a un sistema agricolo mondiale che sta effettivamente sovrapproducendo questi tipi di alimenti”.

Lo studio ha rilevato anche  che l’adozione di una dieta più coerente con i principi nutrizionali attuali non è solo un bene per noi, ma anche un bene per il pianeta.

“Se passassimo a diete sane e nutrienti, vedremmo una diminuzione della quantità di terra necessaria per nutrire la nostra popolazione in crescita”, ha detto Krishna KC.

I ricercatori hanno anche scoperto che spostare la produzione per adeguarsi alle linee guida alimentari più sane per le popolazioni  richiederebbe 50 milioni di ettari in meno di terra arabile, perché frutta e verdura richiedono meno terra da coltivare rispetto a cereali, zucchero e grassi.

Ma per raggiungere questa diminuzione, i consumatori dovrebbero mangiare meno carne e il settore agroalimentare dovrebbe produrre più proteine ​​vegetali.

Senza alcun cambiamento, l’alimentazione di 9,8 miliardi di persone richiederà 12 milioni di ettari in più di terra arabile e almeno un miliardo di ettari in più di pascoli, ha detto Fraser.

“Nutrire le prossime generazioni è una delle sfide più urgenti del terzo millennio: per una popolazione in crescita, i nostri calcoli suggeriscono che l’unico modo per mangiare una dieta nutrizionalmente equilibrata, salvare la terra e ridurre le emissioni di gas serra è consumare e produrre più frutta e verdura  e andare  verso diete con più elevati livelli  di proteine ​​vegetali “.

Ortobioattivo 2018


Fonte:

Ricerca fornita dall’Università di Guelph . 


Riferimento :

  1. Krishna Bahadur KC, Goretty M. Dias, Anastasia Veeramani, Clarence J. Swanton, David Fraser, Dirk Steinke, Elizabeth Lee, Hannah Wittman, Jeffrey M. Farber, Kari Dunfield, Kevin McCann, Madhur Anand, Malcolm Campbell, Neil Rooney, Nigel E. Raine, Rene Van Acker, Robert Hanner, Samantha Pascoal, Shayan Sharif, Tim G. Benton, Evan DG Fraser. Quando troppo non basta: la produzione alimentare attuale soddisfa i bisogni nutrizionali globali? PLOS ONE , 2018; 13 (10): e0205683 DOI: 10.1371 / journal.pone.0205683

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi