Agricoltura organico-rigenerativa e produzione di cibo bioattivo-nutraceutico – Ortobioattivo

Gestione della Microbiologia del terreno

Capire i fattori chiave

 

Il progetto Ortobioattivo® si riferisce in particolare allo studio del terreno e dei minerali, dei consorzi microbici, della sostanza organica e dell’humus correlato e alle loro interrelazioni. Ora scopriremo l’affascinante potenziale di gestione dei microbi e della vita del suolo per aumentare i rendimenti, migliorare la fertilità del terreno e ridurre i problemi fitopatologici. Nell’agricoltura naturale organico-rigenerativa si prendono jn esame i Trichoderma , i funghi micorrizici, il Bacillus subtilis (e altre specie di Bacillus ), microorganismi anaerobi benefici, Pseudomonas fluorescens , protozoi, funghi legati ai nematodi, lombrichi e inoculi di ampio spettro (EM, compost tea e bokasci). 

Inizieremo questo viaggio scoprendo la dinamica di uno dei miei funghi preferiti – Trichoderma .

Trichoderma – fungo Multi-Tasking

Quando si capisce la profonda importanza di ogni membro della vita sotterranea dei terreni, è difficile scegliere un preferito. Tuttavia, c’è un organismo in particolare che offre tanti benefici, ed è difficile rimanerne indifferenti.  Trichoderma è un fungo versatile che può migliorare diversi processi relativi alla crescita delle piante. Infatti, questi organismi hanno un potere così potente nella produzione del nostro cibo, che molti agricoltori lo stanno inserendo nei programmi di coltivazione.

I dieci ruoli fondamentali del Trichoderma

Ci sono molte specie e ceppi di questi funghi comuni e, sebbene ci siano delle difficoltà di messa a fuoco tra i membri della famiglia, tutti forniscono servizi simili al terreno, alle nostre colture e ad altri membri della comunità microbicaTrichoderma offre dieci contributi fondamentali, tra cui:

  1. La creazione di humus – Trichoderma è un fungo vorace nella digestione della cellulosa, il che significa che può trasformare in modo efficiente la materia organica fibrosa (come i residui delle colture o i cippati da noi usati in modo regolare) in humus stabile . Questa è la forma di materia organica che può rimanere nel terreno (e sequestrare il carbonio nei terreni) per decine di anni. La maggior parte dei terreni mancano gravemente di funghi per la digestione della cellulosa e questa è un’enorme carenza. Quando capiamo che la creazione di humus è effettivamente il sequestro di carbonio , il gioco cambia. Se possiamo costruire piuttosto che bruciare la materia organica, allora possiamo invertire in maniera efficace il riscaldamento globale. Questa è l’essenza dell’accordo di Parici denominato “4 x 1000”. Gli scienziati hanno dimostrato che, se incoraggiamo gli agricoltori a cercare di costruire ogni anno 0.4% di sostanze organiche (4 per 1000), allora gli agricoltori possono letteralmente salvare il pianeta. Nell’Ortobioattivo usiamo la sostanza organica in modo massiccio ed è una delle idee “copiate” dal funzionamento naturale delle Foreste.Tutti i ceppi di Trichoderma sono di estremo valore in questa impresa di salvare il nostro pianeta.
  2. Diventa Parassita di organismi portatori di malattie – il  trichoderma attacca e si nutre di una vasta gamma di organismi portatori di malattie distruttive. Questi includono, (ma sono solo alcuni) Rhizoctonia , Phytophthora , Pythium , Xanthomonas , Fusarium , Verticillium , Botrytis , Alternaria , Sclerotinia e Pseudomonas syringae .  Si avvolge attorno all’organismo portatore di malattia e rilascia la chitina per assicurare e facilitare la penetrazione della ife fungine, prima di consumare l’ospite.
  3. I patogeni concorrenti vengono scalzati dal loro sito – I vari ceppi di Trichoderma si sono rivelati i più numerosi abitanti della rizosfera (zona attorno alle radici). Ad esempio, possono esistere ben 10.000 propaguli colturabili di Trichoderma in un solo grammo di suolo sano. Le ragioni del successo di questa specie sono legate alla loro elevata capacità riproduttiva, alla loro resilienza in condizioni sfavorevoli, alla loro capacità di modificare i loro contorni, alla loro efficienza nell’utilizzo dei nutrienti e al loro antagonismo ai funghi patogeni. Una parte del loro vantaggio competitivo riguarda la loro capacità di chelare e utilizzare ferro disponibile nella zona radicale..
  4. Stimolano la radice a crescre più intensivamente – Trichoderma inizialmente libera cellulasi e enzimi proteolitici per penetrare nelle cellule esterne della radice e consentire la colonizzazione radicale. Quando effettivamente si insedia nelle radici della pianta, Trichoderma ha facile accesso al glucosio traslocato dalle foglie alle radici. Tuttavia questo risulta essere uno scambio simbiotico.Infatti questi funghi amichevoli rilasciano una serie di metaboliti secondari per supportare il proprio ospite. Questi includono ormoni simili all’ormone auxina che fornisce un effetto favorevole alla crescita delle radici. Nell’Ortobioattivo abbiamo capito che l’aggiunta di Trichoderma nel terreno favorisce sia la crescita che la resilienza delle piante da orto.
  5. Aumenta l’immunità delle piante – di fronte all’invasione radicale iniziale di Trichoderma , la pianta risponde mettendo in allerta il sito di attacco. Questa risposta limita l’invasore ai pochi strati esterni delle cellule radicali, ma innesca anche un aumento notevole di fitoalessine (composti fungitossici ) all’interno della pianta. Le fitoalessine sono l’equivalenti nelle piante agli anticorpi del sistema immunitario umano. Maggiore è il numero, maggiore è la capacità della pianta di proteggere se stessa. La buona notizia è che tutto ciò che aumenta l’immunità delle piante aumenta anche la resa e, di conseguenza, gli inoculi di Trichoderma sono rinomati per aumentare le produzioni.
  6. Aumento della solubilizzazione del fosfato – gli essudati acidi di questo fungo benefico fanno rompere il legame tra calcio e fosforo e consegnano entrambi i minerali alla pianta ospite. Le ife fungine offrono anche più superficie per accedere al fosforo, il più immobile di tutti i minerali. Questo rilascio biologico di fosforo bloccato spiega, in parte, la risposta del rendimento a seguito dell’uso di un inoculo di compost cellulosico. I  Trichoderma sono tipicamente i funghi inclusi nella digestione della cellulosa.
  7. Migliora l’assorbimento delle sostanze nutritive  – vi è un aumento notevole e facilmente misurabile dell’assorbimento di sostanze nutritive associato agli essudati acidi. Il pH della zona radicale è responsabile della disponibilità di alcuni nutrienti. I minerali sono più disponibili a un pH di 6,4 e questa acidità è garantita quando i Trichoderma stanno “fiorendo” sulle radici. Le ricerche hanno rivelato un maggiore assorbimento di rame, ferro e manganese, insieme al calcio e al fosforo. C’è anche un legame poco conosciuto: migliora l’efficienza dell’azoto . .
  8. Facilita il passaggio di segnali chimici e fisici tra piante e microorganismi – questo è un campo dinamico e affascinante della ricerca agronomica. Ci stiamo rendendo conto che c’è molto di più della simbiosi tra microbi e piante.  Lo scambio e la percezione dei segnali (chimici e fisici) conducono una comunicazione dinamica in corso tra le radici delle piante e i microrganismi. Molti processi vegetali, comprese le risposte immunitarie, sono influenzate da queste comunicazioni. Ci sono anche prove che alcuni dei metaboliti secondari prodotti da Trichoderma possono servire come molecole di segnalazione.
  9. Produzione di metaboliti secondari – Trichoderma è un prolifico produttore di queste sostanze. Infatti, oltre 300 ne sono stati identificati fino ad oggi. I metaboliti secondari rilasciati da Trichoderma in questa relazione simbiotica comprendono peptidi, terpenoidi, pirene e composti derivati. Questi metaboliti stimolano processi vegetali multipli, tra cui l’immunità e il vigore.
  10. Produzione di antibiotici – I Trichoderma hanno un effetto soppressivo sugli agenti patogeni. Può cambiare la sua produzione enzimatica a seconda del cibo disponibile. Può produrre cellulasi se c’è un’abbondanza di materia organica fibrosa. Quando gli agenti patogeni sono presenti, emette essudati enzimatici come  chitine , che viene utilizzata per rompere le ìfe degli organismi patogeni. Questi funghi in rapida crescita competono con gli organismi patogeni e provocano una risposta immunitaria nella pianta, che rende la vita più difficile agli agenti patogeni. I  Trichoderma possono anche produrre antibiotici per sfidare ulteriormente gli agenti invasori.

Caratteristiche dei Trichoderma

Gli inoculi di Trichoderma sono normalmente inseriti in tutte le forme di agricoltura naturale organica-rigenerativa come quella attuata nell’Ortobioattivo. Le spore hanno una lunga conservabilità e, quando attivate, crescono rapidamente e formano colonie, anche in terreni fortemente biologicamente attivi. Sono compatibili con molti altri inoculi benefici, tra cui Bacillus subtilis , Pseudomonas fluorescens e miscele di anaerobi benefici come EM (Microorganismi Effettivi) e BAM.(Microrganismi Anaerobi Benefici delle fermentazioni).

Parte del loro uso riguarda la loro resistenza a molte delle tossine che si trovano nell’approccio chimico. E’stato dimostrato che sopravvivere a fungicidi, metalli pesanti e antibiotici prodotti da altri organismi. I Trichoderma  si stabiliscono bene nei substrati e possono essere introdotti come trattamento dnelle piantine prima dei trapianti in terra per garantire la colonizzazione precoce.  E’ una buona strategia bagnare l’intero substrato con una soluzione diluita di Trichoderma e acido umico. L’acido umico è una fonte alimentare potente per aiutare la colonizzazione nei substrati di coltura e nel suolo.

I Trichoderma possono essere utilizzati anche come trattamento post-raccolta per prevenire marciumi come l’antracnosi. Hanno dimostrato particolarmente efficacia nella riduzione di questi problemi post-raccolta in banane, manghi, avocado, fragole, pomodori e mele.

I Trichoderma sono utilizzati anche per la bio-risanamento di terreni contaminati chimicamente. Una pulizia del suolo può rivelarsi immensamente preziosa. I Trichoderma possiedono la capacità di degradare una vasta gamma di insetticidi, organochloridi, organophosphates e carbonati. L’ acido fulvico ad alto dosaggio  può anche accelerare il risanamento del suolo. Quando questi funghi e gli acidi fulvici si combinano, il detox del suolo può essere impressionante.

I Trichoderma producono anche proteine ​​che consentono alle piante di sopportare sia lo stress di salinità che la siccità . Questa è una caratteristica particolarmente importante nel cambiamento climatico attuale , dove entrambi queste espressioni sono più diffusi.

Le più importanti specie commerciali di Trichoderma sono T. harzianum , T. virens , T. asperellum e T.viride e esistono diversi prodotti che includono una combinazione di questi organismi.

Tutte queste specie possono promuovere la crescita vegetale e costruire humus, ma la loro attività contro gli agenti patogeni è diversa. Alcuni hanno dimostrato di controllare malattie fogliari con un’applicazione del suolo: ciò suggerisce una risposta protettiva sistemica . Questi organismi gestiscono i patogeni fungini molto più efficacemente rispetto alle malattie batteriche. Quindi è una buona notizia che l’inoculo di microrganismi per il controllo di agenti batterici , come Pseudomonas fluorescens , è compatibile con i Trichoderma per offrire una gestione più completa.

I Trichoderma possono essere introdotti anche nei compost in stato avanzato di compostaggio, quando non è più richiesto il rivoltamento per l’ossigenazione e può essere un’inclusione notevolmente produttiva. I Trichoderma ppuò svilupparsi così in tutto il compost per creare un compost “soppressione di malattie”.  Il fungo Trichoderma è una specie che ama l’ossigeno, quindi questa strategia non è applicabile al compostaggio anaerobico. Sarà importante applicare anche un inoculo / compost di funghi ad ampio spettro per mantenere la diversità microbica.

Trichoderma prospera in terreni ben ossigenati e c’è un grande potenziale per introdurre queste inoculo in terreni irrigati con acqua in cui è stato immesso ossigeno (altro traguardo della tecnica Ortobioattivo). Si . Sta effettivamente attivando tutta la vita del suolo e stimolando le radici delle piante fino alla profondità dell’infiltrazione raggiunta con l’acqua di irrigazione ossigenata. L’ossigeno è l’elemento più importante per la produzione di piante, quindi quando vengono applicati livelli maggiori, i risultati sono stupefacenti. Se i Trichoderma sono  combinato con questa tecnologia, il risultato potrebbe essere molto speciale (in fase di sperimentazione nell’Ortobioattivo).

Trichoderma è anche un inoculo ideale per la semina insieme alle micorrize . Ci sono molte prove di una maggiore germinazione ma, soprattutto, la nuova piantina è protetta da malattie radicali come Pythium . La relazione sinergica tra le piante e questi funghi protettivi può aiutare a raggiungere risultati sorprendenti nella coltivazione naturale organico-rigenerativa con produzioni con alte quantità di sostanze benefiche Bioattive-Nutraceutiche.

1 Ortobioattivo a Bellosguardo – Firenze

In conclusione

La comprensione e l’utilizzo di microrganismi benefici è una componente fondamentale di Ortobioattivo® . Se vogliamo uscire con successo dal disastro dell’agricoltura chimica, abbiamo bisogno di una gamma completa di strumenti a nostra disposizione. Abbiamo bisogno dei nostri minerali, dei microbi e del humus in stretta relazione, e gli additivi funzionali naturali , come i Trichoderma , possono essere la chiave determinante nel raggiungere un approccio per ortaggi più nutriente e una coltivazione rigenerativa della fertilità naturale dei nostri terreni. Nella seconda parte di questo articolo parleremo dei protozoi , come un altro grande attore dei terreni naturalmente fertili.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi